Archivio

Videosorveglianza

20 Mar 2015

Con la sentenza n. 3122 depositata il 17 febbraio 2015, la Cassazione è nuovamente intervenuta sull’utilizzo in giudizio delle prove acquisite mediante strumenti di controllo a distanza diretti a verificare le condotte illecite dei dipendenti.

La vicenda trae origine dal licenziamento intimato per giusta causa a tre lavoratori di una raffineria che erano stati scoperti nell’atto di compiere un’operazione fraudolenta ai danni della propria azienda. In particolare, gli stessi erano stati sorpresi mentre, insieme ad alcuni autisti, alteravano il carico effettivo delle autobotti, sottraendo carburante.

L’azienda datrice di lavoro aveva avuto conoscenza di tale fatto grazie ad un filmato effettuato dalla Guardia Di Finanza.

Nel caso in esame la ripresa era idonea a provare un fatto costituente reato e successivamente la Corte ha affermato che, in tema di controllo a distanza  del lavoratore, “le garanzie procedurali imposte dalla Legge n. 300 del 1970, articolo 4, comma 2, per l’installazione di impianti e apparecchiature di controllo richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, dai quali derivi la possibilità di verifica a distanza dell’attività dei lavoratori, trovano applicazione ai controlli, c.d. difensivi, diretti ad accertare comportamenti illeciti dei lavoratori”,  purché “tali comportamenti riguardino l’esatto adempimento delle obbligazioni discendenti dal rapporto di lavoro, e non, invece, quando riguardino la tutela di beni estranei a rapporto stesso”.

Pertanto, devono ritenersi legittimi i controlli, anche se “occulti”, diretti ad accertare comportamenti del prestatore illeciti e lesivi del patrimonio e dell’immagine aziendale.

La Corte ha inoltre ribadito che «al fine di dimostrare l’illecito posto in essere da propri dipendenti, di utilizzare le risultanze di registrazioni video operate fuori dall’azienda da un soggetto terzo, del tutto estraneo all’impresa e ai lavoratori dipendenti della stessa, per esclusive finalità “difensive” del proprio ufficio e della documentazione in esso custodita, con la conseguenza che tali risultanze sono legittimamente utilizzabili nel processo dal datore di lavoro».

Quindi, si debbano ritenere legittimi i controlli, anche se nascosti, volti ad accertare comportamenti illeciti del lavoratore e lesivi del patrimonio e dell’immagine aziendale.

6 Ott 2014

Mio articolo pubblicato in essecome n. 6/2014, pag. 53

Si possono installare le telecamere private per la salvaguardia della propria abitazione a condizione che non venga ripresa la strada pubblica. Il rischio è quello di violare la privacy! In questo caso, infatti, l’attività viene classificata come trattamento dati e va applicata la direttiva 95/46 relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione dei dati, recepita in Italia con Dlgs n. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”). Quindi, “vista” limitata alle telecamere.

La recente sentenza della Corte di Giustizia Europea (C 212/13) sull’installazione della videosorveglianza sulla propria abitazione, riaccende il dibattito in merito alle riprese ai fini personali e, più in particolare, ponendo il dubbio se le medesime rientrano o meno nel campo d’applicazione della Direttiva Europea sulla Privacy (95/46/CE), recepita in Italia con il D.lgs. 196/03 (Codice Privacy).

L’art. 3 paragrafo 2 della Direttiva prevede che questa non si applica al trattamento di dati personali effettuati da una persona fisica per l’esercizio di attività a carattere “esclusivamente personale o domestico”.

Nel caso in esame, la Corte di Giustizia è stata chiamata a pronunciarsi su un episodio accaduto nella Repubblica Ceca, in cui un cittadino privato aveva installato un sistema di videosorveglianza a seguito di alcuni eventi di vandalismo contro la sua abitazione. Le immagini registrate sono servite ad individuare gli autori, i quali hanno contestato la legittimità delle registrazioni e l’Ufficio per la tutela dei dati personali ha dato ragione ai ricorrenti. Il proprietario del sistema avverso questa decisione presenta ricorso alla Corte Suprema Amministrativa della Repubblica Ceca che, prima di pronunciarsi, sottopone la questione interpretativa ai giudici di Lussemburgo, chiedendo «se il fatto di tenere in funzione un sistema di videocamera installato su un’abitazione familiare allo scopo di proteggere la proprietà, la salute e la vita dei proprietari possa rientrare nell’ambito della direttiva europea sulla privacy oppure se l’attività è lecita e, quindi, consentita al privato senza particolari obblighi (informativa e consenso).

http://www.securindex.com/news/leggi/911/videosorveglianza-in-casa-quando-si-applica-la-normativa-privacy